Tel. 0541 1833382
Email: studio@uditoromagna.com

Via Dario Campana, 57/A
47922 - Rimini (RN)


Come Funziona

Come funziona l’udito umano? Esso è in grado di percepire un ampio range di frequenze, compreso tra i 20 i 20.000 Hz, per intensità tra 0 e 120 dB. Le prestazioni migliori si hanno nella zona centrale del campo uditivo, sia per la frequenza che per l’intensità, poichè è proprio in questa porzione che si colloca la voce umana.

L’orecchio ha una struttura molto complessa e ogni sua parte ha un compito specifico:

come-funziona_struttura

ORECCHIO ESTERNO

Composto dal padiglione e dal condotto uditivo esterno ha la principale funzione di raccogliere i suoni e convogliarli verso il timpano. In questo processo le onde sonore sono leggermente alterate dai rilievi e dai solchi che caratterizzano la superficie del padiglione auricolare, in modo da risultare meglio udibili. Le proprietà di risonanza del padiglione e del condotto uditivo amplificano frequenze importanti per l’udibilità del linguaggio verbale.

ORECCHIO MEDIO

L’orecchio medio è una cavità contenuta nell’osso temporale, separata dall’orecchio esterno dalla membrana timpanica. Svolge la funzione di amplificare le onde sonore e trasmetterle alla coclea.

All’interno della cassa timpanica si trovano: la catena degli ossicini (martello, incudine e staffa), due piccoli muscoli (m. stapedio e m. tensore del timpano) e due nervi (la porzione orizzontale e intratimpanica del n. facciale e un suo ramo, la corda del timpano). La tuba di Eustachio è un canale, che mette in comunicazione la cassa timpanica con il rinofaringe, permettendo di areare e mantenere costante la pressione interna dell’orecchio.

ORECCHIO INTERNO

Trasforma le onde sonore in impulsi elettrici e li invia al cervello attraverso il nervo acustico.

L’orecchio interno si trova in profondità nell’osso temporale. È un labirinto osseo contenente un labirinto membranoso che forma un sistema costituito da due parti funzionali:

  • l’organo dell’ udito (coclea o chiocciola);
  • l’organo dell’equilibrio (apparato vestibolare) composto da tre canali semicircolari e dal vestibolo.

 

UDITO: La staffa, muovendosi avanti e indietro nella finestra ovale, trasmette la vibrazione sonora ai liquidi contenuti nella coclea. Qui si trova l’ organo del Corti, che ospita circa 20.000 cellule acustiche ciliate che si attivano con le vibrazioni. Le cellule acustiche sono in contatto con le cellule nervose che fanno parte del nervo vestibolococleare. Di lì, il segnale trasformato in impulsi elettrici viene inviato all’area acustica della corteccia cerebrale e poi al lobo temporale del cervello: si giunge così alla percezione del suono. Il cervello poi codificherà i suoni e darà loro un significato.

EQUILIBRIO: Nell’orecchio interno, oltre all’apparato cocleare troviamo l’organo dell’equilibrio, detto sistema vestibolare, che invia al cervello informazioni riguardanti posizione, rotazione e accelerazione della testa e del corpo. Problemi a questo apparato possono causare vertigini.